home | chi siamo | stampa | pubblicità | contatti
Cellulari, Moda, Tendenze, Lavoro, Spettacoli, Eventi
Home | News | Sezioni | Articoli | Archivio | Mappa del sito | Links
ArteCinemaDesignFinanzaHi-techLavoroModaMotoriMusicaPcSaluteTelefoniaViaggi
Cerca nel sito
aggiungi ai preferiti | iscriviti alla newsletter
Home > Lavoro > Lavoro: pari opportunitą ?
Lavoro

Lavoro: pari opportunitą ?


Lavoro: pari opportunitą ?

Sebbene negli ultimi anni la disoccupazione femminile e’ andata assottigliandosi,rimane ancora un grave divario tra i due generi, reso principalmente da una immotivata discrepanza retribuitiva che, incredibile ma vero, tocca in modo lieve il nostro paese . E’ questa la denuncia arrivata da Bruxelles in seguito ai dati forniti dalla Commissione Europea riguardo agli squilibri uomo - donna.

La presenza femminile nel mondo del lavoro e’ oramai palpabile, anche perche’ la figura maschile e’ rimasta immutata. In Europa la media e’ calata al 2,1 % nel 2004 rispetto al 3% degli anni precedenti, mentre l’Italia staziona al 4% , scendendo di oltre 2 punti dal 1999.

Ma, cio’ su cui la Commissione ha voluto focalizzarsi e’ stata la persistente disuguaglianza salariale, che presenta ancora un gap dell’oltre 15% , in quanto la donna continua ad occupare quei posti prettamente “femminili” come l’insegnamento o i servizi per la previdenza sociale, meno rimunerati rispetto agli altri settori, dove continuano a dominare gli uomini.

La nascita dei lavori flessibili o part time ha in un certo qual senso svantaggiato le donne: se da un punto di vista ha consentito loro di poter gestire al meglio la propria vita, occupandosi della famiglia, della casa......,d’altra parte ha portato ad una netta diminuzione del guadagno, con stipendi precari ed inferiori rispetto ai loro colleghi. Dati evidenti soprattutto nei paesi emancipati, dove la prospettiva di un “welfare” sociale dovrebbe essere maggiore:in Inghilterra, Olanda e nei paesi Scandinavi la differenza arriva a toccare cifre del 20% ; rispetto all’Italia , stabile al 5%. Da considerare tuttavia, che nel nostro paese i lavori flessibili sono limitati e poco conosciuti .

Altro dato allarmante: nei gradini piu’ alti nel mondo del lavoro le donne fanno solo una fugace apparizione. Nonostante riescano a concludere tutti gli studi, solo una esigua minoranza e’ presente nelle grandi aziende o nel Parlamento Europeo.


Autore :
Giusy Genovese
nessuna galleria immagini disponibile per questo articolo

Nella stessa sezione
Donne e lavoro
Sono stati di recente resi i noti i risultati di una (...)continua

Sicurezza e Salute sul lavoro
L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute (...)continua

home | pubblicità | contatti
Legge 62/2001 | Privacy | Vuoi collaborare con questo sito? Contattaci !
© ClickLick.it